Skip to content

monasterocarpineto

Home
Mese di maggio con madre Elvira PDF Stampa E-mail
Riportiamo per intero le preghiere del mese di maggio di Madre Elvira.

18 maggio
Dolce Agnello immacolato,
eccomi a condividere...
"Suscipe, Domine, olocaustum meum".
Se così a Te piace per il bene di questa Comunità come delle altre fondate
e della Chiesa e del mondo!
Amen!

19 maggio
Vieni,
Santo Spirito!
"Come io Padre vivo in te..."
che io possa vivere in Te, Cristo.
Fisso il mio sguardo su di Te, Ostia bianca,
e ripercorro il cammino di Te, mio Signore, fino al Sacro Convivio del Giovedì Santo.
Incarnazione - annientamento
Ostia - nascondimento
Tradisci, Signore tutta la tua missione
Vita - morte per la vita nuova.
Battezzata in Te -morta e risolta- con Te.
Incarnazione -è un invito a vivere la vita concreta come Tu hai fatto-
Amore non a parole ma con i fatti.
Ostia - Pane per la nostra fame.
A questo mi chiami: essere pane triturato nel quotidiano, macinato dalla sofferenza
offerto alla fame degli altri.
Dio mio!
Tu chiedi e prometti...
Io mi sforzo nel dono con fiducia e speranza.
Mamma, non lasciarmi mai...
Amen!


20 maggio
Vieni, Santo Spirito!
Ecco il Monte "Cristo"
è sempre dinanzi a me e lo contemplo.
Lo desidero, lo bramo.
Ma so che ciò comporta "silenzio!".
"Jesus tacebat!".
"Poni Signore una custodia alla mia bocca,
sorveglia le porte delle mia labbra" (Salmo 140).
Tu mi fai comprendere, Signore, la necessità del silenzio.
Ma un silenzio mite, misericordioso, paziente, umile e pieno, pieno di fede.

Oh, mio Dio, quanto sono lontana!
Un dubbio mi assale di fronte ad atteggiamenti sleali, ambigui:
devo parlare?
Non mi viene la risposta come da umana
vorrei e allora in coscienza, parlo, ma per violenza che devo farmi,
il parlare nella verità vien male.
Viene allora il pentimento, il dubbio, eppure la verità è là a dirmi:
"Avanti. Ma non ti risparmierò il dolore,
la sofferenza delle tue esterne sconfitte".
Conosco le tue debolezze e infermità,
conosco la sincerità del tuo agire...

Mio Dio, Tu sei Perdono e Misericordia per chi sinceramente ti ama e cerca la verità...
Maria, Madre mia, prega per me.
Il silenzio tu l'hai amato e quanto tu hai pronunciato qualche parola
oh! noi -ciechi!- cogliamo l'apparente sconfitta.
Aiutami, Madre!
Quanta fatica! ogni giorno più.
Ognuna cresce e diventa "sapiente".
Raccogli, Maria, i miei sforzi e le mie lacrime...
serviranno a qualche cosa.
Tu lo sai: molto spesso, per la pace, scelgo il silenzio e mi rifugio nella preghiera.
A Te, Signore, il giudizio.
Nessuno può togliermi l'amore che brucia in me per ognuna.
Tu mia forza, Signore,
Tu mia speranza,
"Tutto è luce nella fede".
Il mio Carmelo è già lassù.


21 maggio
Vieni, Santo Spirito!
Vivere nella Trinità che è in me
è lo sforzo quotidiano anche se la barca è sbattuta dalle onde e dal vento.
E' la mia àncora anche quando l'uragano implacabile violento e impetuoso la sbatte e la fede perchè affondi.

"Signore, la barca è sconquassata, ma Tu mi dici: "Vai avanti. Coraggio!
Non aver paura io sono con Te.
La prova, la sofferenza, gli insuccessi, il dolore, la morte a te stessa,
il perdere sono per crescere nel mio amore, nella fede, nella fiducia in me,
nella fedeltà a me non per avvilirti.
La mia Grazia è con te.
Guardami nel Getsemani, lungo la strada verso il calvario, sul Calvario e, prima di questo,
al Pretorio.
Fissami quando pendo dalla croce...quando il mio cuore squarciato lascia uscire acqua e sangue.
Guardami nel sepolcro.
Ma, infine, guardami Risorto e allora il tuo cuore si allargherà e la gioia lo invaderà.
Avanti, figlia.
E' nella tua debolezza, impotenza e sofferenza che il mio amore trionferà in tutta la sua forza.
Credi, spera, ama.
Al tuo "silenzio sofferto" io risponderò.
Al tuo silenzio forzato io farò risplendere la mia gloria.
Rimani nella pace. E prega. E offri.
La verità si fa spazio, nel silenzio amoroso.
Pace a te, figlia mia!"

Mamma, tu percorri le vie del mondo senza stancarti per ricondurre i tuoi figli al Cuore del Tuo
divin Figlio...
Ti prego: lascia che io corra con te benchè nella "prigione amata" del mio Carmelo!

22 maggio
O mio Dio!
Trinità beatissima,
qui adorante in profonda prostrazione davanti a Te oso supplicarti:
prendimi nel Tuo oceano di amore...
inabissami nelle profondità del Tuo abisso...
consumami nel fuoco del Tuo amore. che arde e brucia per ogni tua creatura...
Pacifica l'anima mia nella perfetta comunione che unisce il Padre al Figlio...
concedimi la quiete che stabilisce in Te senza dimenticarmi dei fratelli e sorelle
che tu affidi al mio povero zelo.
Oh, imperscrutabile profondità del Dio Uno e Trino,
si compia in me la tua santa volontà.
Non ho altra sete se non  di te e delle anime. Amen!
Silenzio e maestà: quale fascino!

23 maggio
Vieni, Santo Spirito.
Tu, Dio! sei silenzio. Quiete.
In Monastero c'è movimento, frenesia, affanno per i preparativi a spiccare il volo
verso la nuova "Casa di preghiera" in Biella.
Le interessate preparano, tutte aiutano, l'economa provvede.

Gli Apostoli li mandasti a due a due, Gesù,
solo con bastone e bisaccia.
Oh, santa Povertà!
Come ci rallegrò l'assoluta povertà che ci accolse la fondazione di Carpineto.
Povere, sprovvedute, piene di entusiasmo, completamente abbandonate alla Divina Provvidenza
che ci si manifestò "miracolosamente" nel bisogno.
Signore! i tempi cambiano.
Chi parte vuole un minimo di sicurezza...
Certo, molte cose mancheranno...all'inizio.

Benedici tutte le nostre Comunità.
Maria, Madre della Grazia e dell'Amore sii per noi tutte presenza con il Figlio Tuo Gesù.
Il tuo Santo Spirito animi le nostre comunità, o Signore,
perchè in ogni attimo soffi il soffio dello Spirito. Amen!

24 maggio
Vieni Signore,
Vieni con il Tuo Santo Spirito.
Vieni a illuminare le nostre menti,
a riscaldare i nostri cuori,
a rinfrancare le nostre speranze.
Noi, come sempre, confidiamo in Te.
Vieni, Signore, perchè non cada sul nostro spirito la...sera.
Rimani con noi!
Oh, Mamma, da sole siamo deboli, ma con te nulla ci sarà difficile.
Eccoci nelle tue mani di Madre.
Signore, rimani con noi, si fa sera.

25 maggio
Vieni Spirito Santo,
infondi in noi la tua forza e la tua mitezza.
Ispiraci in ogni momento pensieri santi
e il nostro spirito non cerchi che di piacere a Te,
solo a Te vogliamo dare gloria.
Infatti, a che cosa vale piacere agli uomini?
Anche se ci studiassimo di piacere loro mai ci riusciremmo.
Ogni cosa è giudicata sul metro umano.
Tu, Signore, che penetri negli abissi più profondi vedi e scruti e conosci ognuna di noi
fin nelle più nascoste fibre del nostro essere.
A Te il giudizio,
Dio di ogni scienza e conoscenza,
a Te che sei mio Dio e mio Padre.
Oggi, cerchi in tutto sempre e solo di piacerti, o Signore.
Amen!

Madre, non desidero altro.
Il mio unico cocente anelito è vedere Dio, il Suo Volto.
Gesù, Tu sei la via!

26 maggio
Vieni, Santo SPirito!
Vieni a darmi luce in queste fitte tenebre che mi avvolgono da tempo.
E' forse davvero la prova che deve purificarmi come l'oro che si prova nella fornace?
Se così è: Fiat!
Giorno e notte grido a Te, Signore.
Rispondimi. Dammi un segno.
Cosa devo fare?
Mi mancano le forze.
Non ho più luce.
Non un aiuto attorno a me.
La solitudine mi uccide.
Tu solo mi sei rimasto.
Mi è rimasta la dolce Mamma nella quale mi rifugio.
Questa è la mia fede, ma non sento più la viva presenza d'un tempo.
E' solo fede, almeno così penso.
Mi sono presenti i voti che ti ho fatto: non voglio venir meno.
Nel Getsemani insieme al Figlio tuo dirò: "Padre se è possibile allontana da me questo calice,
ma sia fatta la tua volontà". Sì Padre! Amen!
Mamma!

27 maggio
Vieni, Santo Spirito.
Un altro giorno da vivere.
Dammi grazia.
Come tu vuoi scorra questo giorno che è tuo dono.
Tu, Signore, non fai un dono per nulla.
Non consegni un tesoro perchè lo si seppellisca.
ma ogni frutto ha la sua distruzione...la sua morte...il suo risveglio...
la sua gestazione...il suo parto doloroso.
Se il seme non muore non porta frutto.
Così è.
Mio Dio!
Sono cresciuta attraverso le tue quotidiane potature...sotto i colpi dell'ascia,
il martello del fabbro ha battuto senza pietà sul ferro diventato fuoco e l'ha modellato
come ha voluto...soddisfatto lo ha ammirato compiaciuto e anche il pezzo d'arte venuto fuori ha respirato
ma per poco perchè un'altra idea era nata nella mente vivacissima e creatrice del fabbro e...
riprendendo l'oggetto già realizzato perchè dice "Devo impreziosirlo".
E così più volte.
L'Artista geniale continuerà fino a che l'opera da Lui pensata non sarà perfetta.
Signore, Tu sei il mio Pastore,
con Te di nulla manco
nè della gioia nè della sofferenza.
Benchè la mia mente non capisca e non veda ti prego: sia fatta la tua volontà.
E anche quando la fede vacilla, Signore, Tu lo sai: Credo.
Sì credo. Credo con tutte le mie forze.
Tu la mia forza.
Tu il mio Dio e Padre nei secoli dei secoli.
E Tu, Gesù, Figlio di Dio, Unigenito del suo Amore, per sempre...il mio Redentore,
il mio Diletto, il mio Amore. Amen!

28 maggio
Vieni, Santo Spirito!
Vieni! dà riposo all'anima mia.
Vieni! ospite dolcissimo della mia anima.
Vieni! conducimi ai pascoli eterni, ai tuoi tabernacoli.

29 maggio
Signore, Vieni!
Vieni a stare con me.
Tu hai voluto questa casa.
La prima che ti accolse fu quella purissima e santissima di Maria
la "creatura" che Tu eleggesti e che, in vista dei tuoi meriti rimane immune
dal peccato originale.
La sua casa fu la casa predestinata a Tua abitazione quando,
per divino volere, in Essa prendesti posto assumendo la nostra natura umana.
Da Maria prendesti questo nostro corpo...
concepito ad opera di Spirito Santo.
In quella santa casa ti incarnasti.
Senza peccato originale la Madre,
senza peccato il Figlio prevenuto dalla Grazia -l'uomo Cristo Gesù-
Figlio Unigenito del Padre e Dio Egli stesso.
Tutto questo hai compiuto Signore, per liberare me dal peccato e dalla morte.
Questi misteri mi danno le vertigini.
Li intravedo con chiarezza e poi devo fermare il mio pensiero
che non può fino in fondo penetrarli.
Signore, ecco, non vuoi una casa di pietra, non vuoi una casa di marmo,
non vuoi una casa del legno più pregiato
ma vuoi una casa "adorna e calda" come quella di Maria.
Tu mi conosci Signore.
Di certo mi conosci.
Non mi hai tessuto con le tue mani ancora in grembo a mia madre?
Se mi conosci, Signore, come io lo credo,
sai che questa mia casa è degna di accoglierti.
Tu mi hai salvato.
Tu mi ha redendo. Tu mi lavasti nel Tuo sangue con il Battesimo.
Allora, vieni nella mia anche se povera e disadorna casa.
Una casa che è tuo regno.
Regno di pace.
Regno di amore.
Regno di giustizia.
Regno di concordia.
Regno di armonia.
Regno di profonda fede.
Regno di ardente carità.
Regno di sentita speranza.
Regno di verità.
Vieni, Signore!  Regna nella mia -Tua casa-.
Maria, Vieni! Amen!

30 maggio
Vieni, Sancte Spiritus!
Non mi conosco fino in fondo. Tu sì, Signore, mi conosci.
Davanti all'Ostia santa mi esamino: misera! povera! peccatrice!
Questo io sono mio Signore. Vorrei che Tu mi riplasmassi.
Ma penso che ogni giorno mi ricrei. Non mi accosto a riceverti ad ogni Eucaristia?
Non celebro la Pasqua ogni giorno?
E quando Tu vieni in me forse che non operi nella mia anima una purificazione.
A contatto con le Tue Carni immacolate non è possibile non subire una trasformazione
ed io sento che non sono la stessa dall'inizio della celebrazione.
E' vero, a riceverti vengo sempre con poco fervore, ma chiedo soccorso e aiuto
a quella dolcissima Madre cui Tu mi hai affidata come figlia sotto l'albero della salvezza ed è Lei che supplico:
"Vergine Santa, sono indegna, molto indegna di ricevere il Tuo Gesù.
Vieni, Vieni perchè io non riceva il Suo Corpo e Sangue come "condanna" ma come "farmaco"
che purifica e salva".
Gesù, non ho che poco da offrirti ma ecco, come san Girolamo: ti offro i miei peccati.
Abbi pietà di me. Amen!

31 maggio
Concludiamo il Tuo bel mese, Mamma!
Cantiamo le tue lodi a lume di candela.
Sotto il cielo stellato, tutte insieme per farti festa.
Ci uniamo agli Angeli, ai Santi, ai beati del cielo, a tutti i Santi del Carmelo perchè
la nostra lode diventi più vera, più armoniosa, più gradita.
Le nostre voci toccheranno il Tuo Cuore di Madre e, questa sera, ci benedirai con una tenerissima carezza.

Madre, a chi mi rivolgerò? Ascolta il mio grido accorato di figlia che ti dice: Tutta tua!
Madre pietosa e comprensiva...
Eccoci, questa sera, tutte attorno a Te.
Forse da ogni cuore sale la stessa supplica.Amen!